Lavorare vendendo prodotti di cosmetica

Lavorare vendendo prodotti di cosmetica

Lavorare vendendo prodotti di cosmetica I lavori femminili sono moltissimi e pian piano li metterò tutti, ma tra molti oggi abbiamo deciso di parlare di un lavoro che vede molte donne guadagnare sia in modo tradizionale che anche online che è quello delle venditrici di cosmetica, e donne networker  sempre nello stesso campo.

Cosa fanno le venditrici di cosmetica?

Queste donne hanno un ruolo fondamentale, in quanto propongono prodotto di cosmetica di una o più aziende, e a ogni ordine ci guadagnano una percentuale, possiamo dire dunque che più ordini ricevono dai loro clienti, più loro guadagno, detto questo però bisogna anche vedere il piano marketing che percentuali offre, anche perché in molte aziende ci sono dei livelli da scalare e quindi questo permette di crescere e di prendere qualifiche che poi porteranno ad avere percentuali più alte.

Quindi il lavoro sta nel promuovere i prodotti e venderli.

Piano marketing prodotti cosmetica

Il piano marketing, detto anche piano compensi è un scala dove sono descritte le percentuali che queste donne guadagnano, quindi a un fatturato corrisponde una percentuale di commissione. Alcune di queste aziende azzerano ogni mese il volume dei punti maturati e quindi si deve ripartire da 0, altre invece permettono di non perdere la qualifica acquisita.

Tra i pro e i contro possiamo dire che se si ha un bel giro di clienti ogni mese si arriva a una determinata cifra.

Quanto si guadagna vendendo prodotti di cosmetica?

Ci sono persone che riescono a farsi un extra guadagno, ci sono persone che riescono a farsi un bel guadagno mensile. Tutto dipende da:

  • Clienti
  • Rete (collaboratori/collaboratrici)
  • Vendite
  • Impegno e costanza

Definire una cifra ben definita non è possibile, perché ogni azienda ha un suo piano commissionale.

Lavorare vendendo prodotti di cosmetica: Chi può fare questo lavoro?

Questo lavoro ovviamente non è per tutti, nel senso che a molte persone non piace vendere a molte persone non piace dover creare rete. O forse anche perché in poche ci credono.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *