CCNL: definizione, cosa contiene, quali sono i più importanti

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro è un macro contratto che viene stipulato tra le differenti organizzazioni che hanno il compito di rappresentare i datori di lavoro e i sindacati che invece tutelano i lavoratori. I CCNL dunque, disciplinano i trattamenti economici con i relativi minimi comuni per tutti quei lavoratori che appartengono a un determinato settore.

Nelle prossime righe vedremo cosa contiene e quali sono i CCNL più importanti.

CCNL: definizione

Abbiamo detto che il CCNL è un contratto stipulato tra due parti, organizzazioni come Confindustria o Confcommercio che rappresentano i datori di lavoro, e sindacati che al contrario tutelano i lavoratori.

Tali parti, in linea di massima, hanno il compito di trovare un compromesso tra gli interessi dei soggetti rappresentati. La finalità del CCNL dunque, è quella d’individuare una serie di parametri che siano validi per tutti i datori di lavoro di un preciso settore, e di conseguenza i lavoratori inquadrati nel medesimo livello.

In altre parole, il CCNL garantisce condizioni uguali a parità d’inquadramento. In questo modo è possibile bilanciare il potere decisionale della parte forte nel rapporto di lavoro con i diritti dei lavoratori in merito a modalità di maturazione e fruizione delle ferie, retribuzione, e altri fattori.

Nella parte normativa del CCNL sono indicati criteri come la maturazione degli scatti, durata del periodo di prova, preavviso per licenziamento e dimissioni, maternità, infortunio, malattia, ed altri ancora.

I CCNL più importanti

In virtù di quanto espresso sulla funzione dei CCNL, si evince come la retribuzione sia la medesima per ogni lavoratore inquadrato in un determinato livello.

Tra i principali e più utilizzati, troviamo sicuramente i CCNL del commercio, dei pubblici esercizi come bar, pizzerie o ristoranti, e quello della metalmeccanica.

Quest’ultimo a sua volta si differenzia sulla base della tipologia di azienda (artigianato o industria). Oltre a questi principali esistono contratti collettivi legati al chimico farmaceutico, agli alimentari, all’agricoltura, all’edilizia e ai trasporti, e altri ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *